22/02/12

Il grano Kamut

La varietà chiamata Kamut designa la sottospecie di grano Triticum turgidum, ed è un incrocio tra il grano comune e la sottospecie Polonicum (o grano Khorasan) tipico della regione iranica. Si pensa sia stato coltivato già nell'antichità, nella zona della mezzaluna fertile, più di 5 mila anni fa. I suoi chicchi sono di dimensioni più grandi rispetto a quelle del grano comune: per questo motivo è chiamato anche "grano gigante"
Kamut, il cui nome sembrerebbe significare "anima della terra", è un marchio registrato del 1990 dalla società americana Kamut International, nel Montana, col nome ufficiale di QK-77 e proviene dalle pianure di alcuni stati degli Usa dove è coltivato col metodo "bioetico".
Questo parente stretto del grano duro è noto per il suo alto valore nutrizionale ed energetico, che lo rende apprezzabile in particolar modo dagli atleti. La sua composizione, ricca di glutine, lo rende idoneo alla preparazione della pasta e dei prodotti di forno.
Rispetto agli altri tipi di grano, la varietà Kamut contiene otto minerali, molti più aminoacidi e una maggiore concentrazione di grassi, proteine e vitamine. Anche se per l'alto contenuto di glutine il Kamut non è adatto all'alimentazione dei celiaci, in generale sembra invece maggiormente tollerato dalle persone allergiche al grano comune. Studi condotti negli Usa hanno dimostrato che almeno il 70% delle persone intolleranti al grano non presenta reazione allergica verso la varietà Kamut.
Provenendo poi da coltivazioni in pianure aride, il Kamut ha un minor tasso di umidità: questo lo rende meno attaccabile dagli insetti e la farina ottenuta dalla macinazione è meno ossidabile.
Attualmente i prodotti commecializzati a base di grano Kamut comprendo, oltre alla pasta, i cereali integrali in chicchi, le farine, i cerali in fiocchi, merendine, pane, couscous, biscotti, sfoglatine. Il Kamut è disponibile anche come succo e sottoforma di erba.

2 commenti:

  1. Mi sa che non l'ho mai provato!

    RispondiElimina
  2. A me non dispiace, pane e pizze non sono male :-)

    RispondiElimina