14/03/12

La ricerca della sitter è un problema? Ci pensa Sitterlandia

I ritmi di lavoro della vita moderna, ormai, concedono poco tempo per potersi occupare dei figli e della casa. Così si fa sempre più necessario doversi rivolgere a figure esterne alla famiglia che possano seguire i bambini, ma anche gli animali, le persone anziane e le pulizie di casa.
Sitterlandia.it è un portale che può offrire un decisivo aiuto nella ricerca di personale qualificato a occuparsi di bambini, anziani e animali. Sitterlandia convoglia sul suo portale la domanda e l’offerta delle figure professionali di babysitter, assistenti agli studi, badanti, petsitter e colf


La forza di Sitterlandia sono i filtri di ricerca mirati alle varie esigenze. Per candidarsi sul sito, infatti, è necessario fornire un’ampia serie di informazioni che saranno poi visibili agli utenti in cerca di sitter. La scheda personale delle persone in cerca di lavoro, infatti, comprende, oltre ai dati anagrafici e alla disponibilità di orario, anche le informazioni riguardanti l’eventuale mezzo di trasporto utilizzato e la distanza di spostamento che si è disposti a percorrere; se si parla fluentemente l’italiano; le lingue straniere conosciute e la lingua madre; il livello di studi; la religione; se si è fumatori. Le altre sezioni sono dedicate alle informazioni relative al tipo di lavoro che si offre.


Se il lavoro cercato è quello di babysitter, per esempio, sarà necessario indicare quanti bambini si riescono a gestire contemporaneamente, se l’eventuale presenza di animali costituisce un problema, con quali fasce di età si hanno avuto esperienze (neonati, bimbi piccoli, bambini in età da scuola materna, bambini in età da scuola elementare, teenager); dove si preferisce svolgere il proprio lavoro (a casa del bambino o nella propria abitazione); se si hanno figli propri; quali competenze generiche
si possono offrire (cura dei bambini malati, possibilità di cucinare, se si è attrezzati alla guida con trasporto di bambini, se si è disposti anche agli aiuti domestici e a portare il bambini a passeggio, se si è in grado di aiutare i bambini nell’insegnamento dell’uso del vasino e nell’accompagnamento al sonno). Dopo le competenze generiche vanno indicate quelle specifiche (gestione di problemi comportamentali, di problemi di disabilità, se si conosce il linguaggio dei segni ecc.). In più vanno indicate le competenze accessorie (cura degli animali, del giardino, della lavanderia, della casa, spesa e commissioni).


Gli utenti in cerca delle figure professionali hanno così la possibilità di visualizzare i profili e le referenze degli offerenti. Domandanti e offerenti vedranno gli annunci e potranno selezionarli in base alle loro esigenze (zona di residenza, orario ecc.); riceveranno direttamente le candidature o le offerte di lavoro in base ai criteri selezionati e potranno contattare direttamente le sitter o candidarsi per le offerte di lavoro.


Sitterlandia offre in più un servizio di formazione intensiva per babysitter, che “nasce come soluzione per i principali punti di criticità tra famiglia e sitter: continuità del rapporto di lavoro, attenzione ai principi educativi della famiglia e, soprattutto, maggiore affidabilità e competenza professionale”.

8 commenti:

  1. Io sono stata iper protettiva...mamma qualche volta la nonna altrimenti solo persone di fiducia

    RispondiElimina
  2. Sorrido quando leggo "solo persone di fiducia". Perché sono convinta che la fiducia si debba costruire insieme, in qualsiasi rapporto, affettivo o lavorativo che sia.
    Ricordo, tanti anni fa, quando ho avuto la necessità di ricercare una tata, quanto ho patito, mesi e mesi. Ascolta l'amica, la maestra e tutti quanti credevano di avere "esperienza" o di essere navigati. Ai miei tempi si usava mettere il classico annuncio sul giornale, numero di telefono di casa. Un disastro. Alla fine ho scelto una ragazza, solare e simpatica e, soprattutto, simpatica ai miei figli. 12 anni insieme.
    Se all'epoca ci fosse stato un servizio come questo, avrei baciato per terra. Quindi, da vecchia mamma, consiglio di uscire dagli stereotipi del "solo persone di fiducia". Nessuno sa a priori se una persona è di fiducia. Bisogna avere la maturità di sapere come dare fiducia e come ricevere fiducia.
    Questi sono i servizi che aiutano le persone a vivere meglio. Tra un po' sarò nonna e consiglierò i servizi di Sitterlandia a mio figlio, perché nessuno considera che i nonni hanno anche loro voglia di vivere la propria vita, senza dover per forza assumersi l'obbligo di diventare babysitter.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Celeste, sono d'accordissimo con te. La fiducia non te la può assicurare nessun sito, all'inizio conta solo l'impressione che hai di una persona... Però questo sito aiuta a selezionare in base a esigenze pratiche... poi le persone le devi almeno guardare negli occhi...
      Monica

      Elimina
    2. Cara Monica, ripeto, se ai miei tempi ci fosse stato un sito come Sitterlandia, avrei baciato per terra. Hai fatto un'ottima segnalazione.

      Elimina
    3. Grazie Celeste, e sono d'accordo con te: non è obbligatorio che le nonne debbano diventare baby sitter a tempo pieno...
      Monica C.

      Elimina
  3. Mi sembra un'ottima segnalazione...

    RispondiElimina
  4. ora posso commentare e dire l'ho provato!
    da un po' cercavo una baby sitter e non è andata benissimo, soprattutto con le baby sitter segnalate da amici e conoscenti.
    una mamma all'asilo mi ha consigliato sitterlandia e cercando su google sono capitata qui. io e mio marito abbiamo letto con interesse questa segnalazione. ma a dirla tutta è stata celeste che ci ha dato la spinta nella direzione giusta.
    insomma, il 15 sera ci iscriviamo a sitterlandia, pubblichiamo l'annuncio in maniera molto ma molto facile e senza l'ansia di aver dimenticato qualcosa.
    iniziano ad arrivare le candidature. ieri abbiamo deciso di pagare l'abbonamento mensile per iniziare a contattare le baby sitter. stamattina i primi 3 colloqui e finalmente arriva la nostra mary poppins!!! ovviamente la terza, solare e simpatica, esattamente come ha raccontato celeste. inizia da domani e forse tra un mese potrò tornare a lavorare.
    ringrazio prima di tutto monica per la segnalazione e un abbraccio grande grande grande a celeste che ha sfatato una nostra paura che oggi posso ammettere essere molto stupida.
    vi terrò aggiornate!!!
    elena gianfranco e la piccola peste emma

    RispondiElimina
  5. Carissimi Elena e Gianfranco, sono veramente felice per voi e sono sicura che la persona che avete trovato saprà costruire con voi un rapporto di fiducia e col passare del tempo saprà soddisfare tutte le vostre esigenze... Un grazie a Celeste che ha dato inizio a questa catena di commenti costruttivi che si stanno rivelando utili nella faticosa decisione di affidare i nostri piccoli a persone sconosciute. Un ringraziamento va anche a Sitterlandia: sono iscritta ormai da mesi per cercare un lavoro come assistente agli studi/babysitter per bambini in età scolare da 6 a 16 anni. Io finora non sono stata fortunata, ma sono estremamente soddisfatta che questo articolo sia stato così tanto visitato e commentato. Fra i miei quattro blog, questo è l'ultimo nato e non poteva avere battesimo migliore.
    Monica C.

    RispondiElimina