27/03/12

Speriamo non siano le App a ricordare alle mamme di andare a prendere i figli a scuola

Leggo un articolo sul sito di Repubblica riguardo alla grande quantità di applicazioni sviluppate per le mamme tecnologiche: strumenti che fin dalla fase della gravidanza supportano le donne nel cammino della maternità, della gestione della famiglia e della casa.
Mi aspetto di trovare un comodo sistema per segnare la lista della spesa e le scadenze delle bollette, qualcosa, insomma che sostituisca agende o fogliettini sparsi e appiccicati al portafoglio. Ma trovo che ci sia molto, molto di più… forse troppo.
A parte trovare consigli utili sulle fasi della gravidanza, come gli esercizi per tenersi in forma, alcune App consentirebbero addirittura di segnare la frequenza delle contrazioni, tenere il calendario delle poppate e annotare l’andamento del peso e la crescita del neonato. Va bene, una sorta di agenda elettronica che sostituisce le tabelle cartacee dei tempi andati.
Quello che mi lascia un po’ perplessa sono alcune applicazioni che promettono di decifrare l’origine del pianto del bambino o stabilire chi dei due fratelli ha iniziato a litigare: mi sembra raccapricciante affidare a un iPhone o un tablet il compito di cercare di capire i nostri figli. Come mi sembra raccapricciante che l’accompagnamento al sonno dei piccoli avvenga con uno smarthphone che racconta filastrocche. Leggere una fiaba ai bimbi per farli addormentare non ha solo valore di sonnifero: è un momento di intimità di rapporto e coinvolgimento fra genitori e figli: non è tanto la “storia” che fa addormentare, quanto la serenità che deriva dalla presenza dei genitori, proprio nel momento in cui i bambini temono il “distacco”, ovvero quella fase in cui sono convinti che andando a letto non ritroveranno più la mamma.
Per non parlare delle App che vengono descritte come strumenti per annotare, oltre che la lista della spesa, anche a che ora andare a prendere i figli a scuola! Magari con una annotazione aggiuntiva, che ricordi anche di non dimenticarli in macchina…

4 commenti:

  1. Concordo, il troppo stroppia in tutti campi.

    RispondiElimina
  2. O mamma mia... no da, è così bello godersi i propri piccini... Certo che l'idea di sapere chi ha iniziato a litigare non è male però :D

    RispondiElimina
  3. mi auguro vivamente di noooooooooo

    RispondiElimina
  4. Ma non si starà un po' esagerando con tutte questa app?

    RispondiElimina