14/05/12

I rimedi naturali contro riniti e congiuntiviti allergiche

Graminacee
La primavera può risultare un periodo dell’anno molto fastidioso per chi soffre di allergie: riniti e congiuntiviti si manifestano con sintomi che possono davvero abbassare la qualità della vita. Cerchiamo di saperne di più.

I sintomi delle rinocongiuntiviti allergiche
Nel caso di riniti e congiuntiviti, i sintomi si localizzano nelle zone che entrano in contatto con l’allergene, ovvero l’area della congiuntiva e dei seni nasali e paranasali. Nel caso della rinite si avrà un aumento eccessivo dello scolo nasale, prurito nasale, starnutazione e congestione nasale, poca o assente percezioni degli odori. La congiuntivite si manifesta con prurito oculare e perioculare, rossore, edema, bruciore, lacrimazione eccessiva, intolleranza alla luce. Gli allergeni più comuni che provocano le rinocongiuntiviti allergiche sono acari della polvere, pollini, epiteli di animali, allergeni fungini (muffe, funghi e lieviti), allergeni alimentari e farmaci.

I limiti e gli effetti collaterali della terapia farmacologica
La terapia convenzionale è diretta al trattamento del sintomo e, poiché i sintomi sono molteplici, tante saranno anche le tipologie di farmaci utilizzati, tutti con fastidiosi e a volte pericolosi effetti collaterali. Le terapie farmacologiche prevedono l'uso di antistaminici, che inducono sedazione e sonnolenza; di “stabilizzatori della membrana”, prescritti principalmente a scopo preventivo perché nella fase acuta della reazione allergica non sono in grado di contrastare l’istamina e possono provocare broncospasmo, tosse, affanno, edema laringeo, tumefazione e dolori articolari, angioderma, emicrania; gli adrenergici, utilizzati in modo particolare per decongestionare le mucose nasali, che possono provocare tachicardia, insonnia, ansia, agitazione, nausea, cefalea, aumento della pressione sanguigna, ictus cerebrale e infarto cardiaco; i cortisonici, che già a bassissime concentrazioni hanno manifestazioni collaterali indesiderate (compromettono il sistema ormonale), provocano ritenzione idrica, gonfiore del viso, aumento della peluria, aumento dell’appetito e, vista la forte attività immunodeprimente, se presi per lungo tempo possono portare ad aumento di peso, riduzione della massa muscolare, osteoporosi, ulcere gastriche, cataratte, glaucoma, ritenzione di sodio e perdita di potassio, ipertensione arteriosa, micosi e infezioni; gli antileucotrienici, antinfiammatori introdotti recentemente e di cui non esiste ancora una dettagliata classificazione degli effetti collaterali, ma gli studi clinici rilevano danni epatici, disturbi del sonno, nausea e sono stati associati recentemente a disturbi comportamentali come ansia, depressione e tendenze suicide; l’immunoterapia allergene specifica (Its), o vaccino contro l’allergia, terapia in cui vengono somministrate al paziente dosi sempre maggiori di allergene allo scopo di favorire la sua tolleranza nell’organismo. La terapia è molto lunga, le somministrazioni graduali dei farmaci richiedono periodi da tre a cinque anni: alla fine di questo periodo il paziente dovrà continuare per tutta la vita a prendere dosi minime di farmaci. Durante il periodo iniziale, invece, il soggetto trattato svilupperà delle “mini-allergie”.

Le terapie naturali
Vista la quantità di farmaci necessari a contrastare i sintomi delle allergie, si può pensare a un approccio differente, basato dapprima sul ripristino dell’equilibrio del sistema immunitario (fase sistemica) e poi sulla riduzione o eliminazione dei sintomi (fase sintomatica).
La fase sistemica prevede interventi che agiscono sul sistema immunitario con un’azione immunomodulante, accompagnata da una generale azione antinfiammatoria e al contrasto dell’azione dell’istamina. Questa terapia di base andrà seguita anche in assenza di sintomi, mentre alla comparsa delle prime avvisaglie, sarà necessario aggiungere un’azione mirata alle riniti e alle congiuntiviti, finalizzata a fare da barriera al contatto degli allergeni con le mucose ed eventualmente ridurre gli spiacevoli sintomi.
Basilico santo
La natura ci offre numerosi estratti di piante con azione immunomodulante, antinfiammatoria e antiallergica. In particolare gli estratti di basilico santo (tulsi) e salvia officinale, grazie alla presenza di un principio attivo ad alto potenziale: l’acido rosmarinico. Il fitocomplesso che si ottiene da queste due piante, con una concentrazione del 40% di acido rosmarinico,  rappresenta quanto di meglio la natura può offrire come difesa alle allergie. Le diverse proprietà immunomodulante, antinfiammatoria e antiallergica lo rendono adeguato sia per la fase sistemica che nella fase di riduzione dei sintomi delle rinocongiuntiviti allergiche stagionali. Il fotocomposto, assunto per via orale, è in grado di riequlibrare il sistema immunitario e, al tempo stesso, di esercitare un’azione antinfiammatoria mirata ai sintomi. A questo fitocomposto possono essere associai altri estratti maturali, come la quercitina e la rutina, dalle proprietà antistaminiche; il ribes nero, l’antinfiammatorio naturale per eccellenza e la piantaggine, con azione antiallergica. Assunto ciclicamante, questo rimedio di base ha lo scopo di evitare gli episodi acuti di riniti e congiuntiviti.
Salvia officinalis
Per agire specificatamente sui sintomi si dovrà intervenire già dalle prime avvisaglie con rimedi a uso locale.
Per le riniti, al fitocomplesso di tulsi e salvia, si aggiungerà l’estratto della radice di ninfea odorata (antifiammatorio e analgesico), olio di nigella sativa (immunomodulante, antiallergico e antifiammatorio), estratto di cappero (antirritante e calmante), estratto di rooibos (antistaminico e decongestionante mucose) e il sodio jaluronato, che forma una pellicola protettiva sulle mucose nasali che funge da barriera naturale per evitare il contatto con l’allergene.
Per i sintomi specifici delle congiuntiviti, il fitocomplesso di tulsi e salvia si arricchirà con gli estratti di ninfea, nigella, rooibos e sodio jaluronato. Per il prurito oculare si aggiungerà l’estratto di liquerizia.

I consigli alimentari
I rimedi naturali saranno sostenuti da uno stile di vita e un’alimentazione adeguati. Per quanto riguarda i consigli dietetici si dovranno eliminare latte, latticini e cibi conservanti; consumare raramente dadi da brodo, carni rosse, insaccati, cibi e bevande fermentate, fecola di patate, zucchero bianco. Carni bianche, uova, cioccolato, caffè, cereali raffinati, frutti di mare e crostacei andranno consumati con cautela. Per fragole, arance, ananas, arachidi, noci, nocciole, mandorle, pomodori, spinaci e cavoli andrà verificata la sensibilizzazione.
I soggetti allergici ai pollini dovranno stare attenti anche al consumo di alcuni alimenti, per evitare la cosiddetta “reattività crociata”.
Ecco le più comuni riscontrate. Per i pollini in genere: il miele; per le graminacee: melone, anguria, arancia, kiwi, pomodoro, frumento, prunoidi, arachidi, cereali; per le composite: sedano, carota, melone, anguria, mela, olio di girasole, banana, zucca, camimilla, finocchio, miele, prezzemolo; per l’ambrosia: melone e banana; per la parietaria: more di gelso, basilico, piselli, ortica, melone, pistacchio, kiwi; per il polline di olivo: olio di oliva, olive; per il polline di nocciolo: nocciole; per il polline di betulla: mela, pera, pesca, albicocca, noci, nocciole, ciliegie, banane, carote, patate, kiwi, finocchio, sedano, arachidi, mandorle, pistacchio, lampone, fragola.

Posologia
Rimedio di base (tulsi, salvia, quercitina, rutina, ribes nero e piantaggine). Adulti oltre 12 anni: 1 compressa 3 volte al giorno prima dei pasti. Bambini sotto i 12 anni: formulazione bevibile con misurino e indicazioni di dosaggio per le varie fasce di età.
Rimedi sintomatici. Per la rinite: emulsione nasale isotonica a base di fitocomposto di tulsi e salvia con l’aggiunta di sodio jaluronato, olio di nigella, estratto di cappero, ninfea e rooibos. Per gli adulti, 1-2 applicazioni per narice al giorno, al bisogno, fino a 4/5 volte al giorno. Per i bambini da 1 a 12 anni, la confezione prevede l’erogatore nasale pediatrico, le dosi sono le stesse degli adulti perché il prodotto prevede già livelli di concentrazione dei principi attivi adatti all’età. Da usare fino alla completa scomparsa dei sintomi. Per la congiuntivite: soluzione oftalmica isotonica, adatta sia per gli adulti sia per i bambini a base di tulsi, salvia, sodio jaluronato, estratti di liquerizia, ninfea, nigella e rooibos. La confezione prevede 10 pipette richiudibili di collirio da usare al bisogno, una goccia per occhio per 3-4 volte al giorno, fino alla scomparsa dei sintomi.

Per informazioni sui prodotti e sulla loro reperibilità mandare una mail all’Associazione amici allergici, all’indirizzo amici.allergici@gmail.com

10 commenti:

  1. Io ho una delle piccoline che soffre di congiuntivite allergica fin da piccolissima; in primavera le faccio prendere quello che uso io, il ribes nigrum macerato idroalcolico, per lei una goccia per chilo di peso.
    ...e impacchi di camomilla.
    Un anno però ho dovuto ricorrere ai farmaci "tradizionali", ha avuto una congiuntivite emorragica... non ti dico quello che ha passato :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. congiuntivite emorragica? ma povera piccola!
      m.c.

      Elimina
  2. Di questi tempi e con il vento che c'è in giro in questi giorni sarà molto utile...
    Laura è veramente un problema...magari crescendo le si attenua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un grosso problema quello delle allergie... una vera condanna
      m.c.

      Elimina
  3. Laura non ne avevo mai sentito parlare di questa "congiuntivite emorragica", spero abbiate risolto e capito se si può prevenire .. Claudia

    RispondiElimina
  4. Nonostante le riniti continuo ad amare la primavera.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io, magari un po' meno fredda di questa...
      m.c.

      Elimina
  5. Sono utili spremute di limone la Mattina,che é un antinfiammatorio.

    RispondiElimina
  6. soffro di allergia al polline...fortunatamente è abbastanza lieve. Nell'ambiente dove lavoro, un ufficio immerso nella campagna, pollini e polvere sono all'ordine del giorno. Spruzzare questo prodotto caratterizzato dalla presenza di oli essenziali puri 100% mi da un notevole sollievo. http://www.prodottidibenessere.it/it/respiro-libero/1760-polline-stop-30-ml.html

    RispondiElimina