24/09/12

Il secondamento e la manovra di Brandt-Andrews

Appena nasce un bambino, la fase del parto non è ancora conclusa. L’utero deve riprendere a contrarsi per portare a termine l’ultima serie di eventi che chiudono il ciclo della nascita. Questa fase, che dura in media 10/15 muniti, è detta “secondamento”, ed è fondamentale che si compia per intero e senza complicazioni, perché serve a espellere la placenta e gli annessi fetali (il cordone ombelicale e il sacco che ha contenuto il liquido amniotico).


Il secondamento inizia da qualche minuto a un’ora circa dalla nascita, ed è completamente indolore. La placenta, che è un disco di circa 15-20 centimetri di diametro, inizia a staccarsi partendo dal centro e proseguendo verso i margini dell’utero. Durante l’espulsione della placenta possono presentarsi modeste perdite di sangue.
Se il secondamento non avviene naturalmente, occorre che il medico intervenga per estrarre in altri modi la placenta e gli annessi fetali. Questa operazione può avvenire mediante somministrazione di alcuni farmaci che ne facilitano l’uscita, oppure con una tecnica manuale, mediante la cosiddetta “Manovra di Brandt-Andrews”.
La partoriente dovrà avere la vescica svuotata (se è il caso si pratica il cateterismo vescicale). Con un delicato massaggio si provoca una contrazione uterina, si appoggia una mano sull’addome della donna: l’estremità delle quattro dita riunite dovrà corrispondere al punto di congiunzione fra il corpo uterino e il segmento inferiore. Il corpo uterino viene quindi spinto in alto e all’indietro, mentre l’altra mano afferra il funicolo e esegue la leggera controtrazione.

Sito web per questa immagine: aafp.org

Se appena provocata la contrazione la placenta affiora in breve alla vulva, significa che la placenta si è staccata per intero. In caso contrario, la spinta che solleva l’utero praticata dalla mano del medico verrà trasmessa al funicolo e sarà avvertita dall’altra mano che lo tiene.
Il medico continuerà a spingere verso l’alto e a esercitare una leggera controtrazione del funicolo fino a che non avvertirà la sensazione di cedimento che sta a indicare l’avvenuto distacco della placenta.
Se la manovra non è eseguita con le dovute precauzioni e con la necessaria delicatezza, e soprattutto nel caso venga eseguita su un utero non ben contratto, si può correre il rischio dell’inversione uterina.

7 commenti:

  1. Io con il cesareo mi sono persa tutto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. oh! da un certo punto di vista molto meglio così...
      m.c.

      Elimina
    2. Davvero un ottima descrizione. Io ho avuto due parti bellissimi, ed in entrambi l´intervento dell´ostetrica é stato determinante nel rendere il tutto ottimale. Con il secondo parto mi hanno praticato questa manovra, perché l´utero non si contraeva piú.

      Elimina
  2. eliperlina01/10/12, 15:41

    concordo con Monica, anche io ho fatto un cesareo e sono felice di essermi "persa tutto"!!!!

    RispondiElimina
  3. Con questo post mi hai ricordato tutti i miei tre parti, tutti naturali..dolorosi ma che rifarei 100 volte visti i "frutti" che hanno portato ^_^

    RispondiElimina
  4. Chissà cosa aspetterà me... Non so cosa augurarmi e di questa manovra ne sconoscevo completamente il nome...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. andrà tutto benissimo...
      m.c.

      Elimina