08/04/13

Enzimi e coenzimi

Gli enzimi, che hanno funzione di catalizzatori del sistema biologico, sono divisi in due gruppi: la maggior parte di essi sono infatti proteine e una piccola parte sono costituiti da molecole di Rna. Semplificando di molto, gli enzimi (come qualsiasi altro catalizzatore), accelera la velocità di reazione chimica da un composto a un altro. Nel nostro organismo, gli enzimi sono responsabili di una grandissima quantità di funzioni.
I principali interventi degli enzimi avvengono nel processo metabolico: senza gli enzimi, infatti, il metabolismo non sarebbe in grado di assolvere alle sue funzioni alla velocità richiesta dalle esigenze delle cellule. Altra importante funzione degli enzimi si ha nel processo della digestione, dove intervengono per ridurre macromolecole in unità più semplici assorbibili dall’intestino (per esempio, l’enzima amilasi riduce la molecola dell’amido a maltosio).
I coenzimi sono cofattori degli enzimi, ovvero sono piccole molecole non proteiche che si associano agli enzimi per permetterne l’attività catalitica. Non essendo proteici, i coenzimi non possono essere prodotti dalle cellule e vanno assunti con la dieta. I coenzimi si associano agli enzimi solo quando questi stanno svolgendo la loro funzione catalizzatrice, altrimenti ne sono dissociati.
I coenzimi sono classificati in due gruppi: non essenziali (sintetizzati da comuni metaboliti) ed essenziali (derivati dalle vitamine). Le vitamine sono essenziali per la sintesi dei coenzimi, ma la maggior parte delle vitamine, per poter generare coenzimi, deve essere trasformata.
A titolo di esempio, la vitamina B3 (niacina) è precursore dei coenzimi Nad e Nadp, indispensabili nei processi di deidrogenasi (ossidoriduzioni); mentre la vitamina B5 (acido pantoteico) è precursore del coenzima A (CoA o Hs-CoA), che partecipa alle reazioni di trasferimento di radicali acilici.
I coenzimi sono classificati in base alla loro funzionalità, ovvero all’attività degli enzimi corrispondenti: per esempio, i coenzimi flavinici sono preposti al trasporto di ioni idrogeno; i coenzimi delle catalasi, perossidasi e i citocromi sono deputati al trasporto di elettroni; i coenzimi delle deidrogenasi permettono il trasferimento sia di elettroni sia di ioni idrogeno. I principali coenzimi sono il coenzima A, il coenzima B12 e il coenzima Q.

2 commenti:

  1. Non sapevo esistessero tanti tipi di coenzimi... per me erano solo i coenzimi, generici :-)

    RispondiElimina
  2. Complimenti per la capacità di saperti destreggiare così bene, con un argomento che facile non è!
    ^_^

    RispondiElimina