14/05/13

I glucidi

I glucidi (o glicidi, o zuccheri, o carboidrati) sono una tra le principali biomolecole presenti nel nostro organismo, dove svolgono numerose funzioni biologiche, la principale delle quali è la riserva energetica e il trasporto dell’energia. I carboidrati, inoltre, hanno un ruolo importante nel sistema immunitario e nello sviluppo biologico.
Le singole unità dei carboidrati sono chiamate monosaccaridi. Sono monosaccaridi, per esempio, il glucosio, il fruttosio, il galattosio. I monosaccaridi si legano fra loro in svariati modi per formare i polisaccardi e gli oligosaccaridi.
A seconda del numero dei saccaridi presenti, i carboidrati sono classificati come semplici (monosaccaridi o disaccaridi) o complessi (oligosaccaridi e polisaccaridi). L’alimentazione corretta, in genere, predilige gli zuccheri complessi e alcuni alimenti contenenti zuccheri semplici come la frutta (glucosio e fruttosio) o i latticini (lattosio). Altre fonti di zuccheri semplici come i dolci sono sconsigliati. Esistono poi carboidrati complessi non assimilabili, come la cellulosa e la pectina, che sono però un componente importante della fibra alimentare. Dal punto di vista del metabolismo, la fonte maggiore di energia è costituita dai monosaccaridi.
I polisaccaridi (che sono formati da catene contenenti dieci o più monosaccaridi) hanno funzioni strutturali (come la cellulosa e la chitina) o di deposito. Sono a loro volta suddivisi in due gruppi, gli omopolisaccaridi (tante unità dello stesso monosaccaride ripetuto) e gli eteropolisaccardi (unità monosaccaride diverse).
Negli organismi viventi i carboidrati sono la fonte di energia più comune e la loro digestione richiede meno acqua di quella delle proteine e dei grassi. Ma i carboidrati non sono essenziali nell’alimentazione, perché l’energia necessaria all’organismo può essere reperita dalle proteine e dai grassi. Tuttavia, un tipo di alimentazione completamente priva di carboidrati può dare origine a fenomeni di chetosi.
I cibi ricchi di carboidrati sono il pane, la pasta, i legumi, le patate, il riso e i cereali, alimenti generalmente ricchi di amido, la riserva energetica del mondo vegetale.
Le linee guida alimentari consigliano che il 50/60% dell’energia totale derivi da carboidrati, e solo il 10% dagli zuccheri semplici. I carboidrati complessi, infatti, forniscono un’energia a più lento rilascio rispetto a quelli semplici e contengono anche altri nutrienti fondamentali all’equilibrio alimentare.