21/04/15

Il magnesio

Tra le sostanza vitali al nostro organismo, i minerali ricoprono un ruolo di prim’ordine, tanto è vero che di loro è stato detto che “in mancanza di minerali le vitamine non hanno alcuna funzione. In mancanza di vitamine l’organismo può utilizzare i minerali, mentre in mancanza di minerali le vitamine sono inutili” (Charles Northen, ricercatore medico).
L’organismo umano necessità di 7 minerali maggiori e circa 65 in traccia (ma non per questo meno importanti). Se fornito dei minerali di cui necessità, l’organismo può formare le vitamine, gli aminoacidi, le sostanze ghiandolari e gli enzimi, ma non può produrre i minerali maggiori e in traccia.
Tra i minerali maggiori il magnesio è responsabile di circa oltre 325 differenti reazioni biochimiche, tutte fondamentali al corretto funzionamento dell’organismo umano. Ed è dalla presenza del magnesio che dipende lo svolgimento delle funzioni degli altri minerali, come calcio, potassio e sodio.
Lo stile di vita moderno con i suoi alti livelli di stress e regimi alimentari squilibrati tendono a esaurire le riserve di magnesio più di quello che possiamo immaginare. La carenza di magnesio può compromettere molte funzioni fisiologiche importanti e causa stanchezza, stress, nervosismo, mal di testa, crampi muscolari.
Il magnesio attiva un enzima che controlla il corretto equilibrio tra sodio e potassio all’interno delle cellule. Il sodio è mantenuto nel liquido extracellulare e il potassio all’interno della cellula. In questo modo vengono assicurati fisiologici livelli di liquidi nei tessuti indispensabili per l’attività cellulare e la produzione di energia cellulare. Se non ci fossero sufficienti livelli di magnesio, il potassio verrebbe rapidamente eliminato dall’organismo.
Il magnesio lavora anche insieme al calcio: questo importante minerale viene assimilato dall’organismo  eliminando il magnesio dalle varie parti del corpo. Per questo motivo è fondamentale che a un’integrazione di calcio corrisponda anche un’integrazione di magnesio: contrariamente ci si potrebbe sentire peggio.

Le cause delle carenze di magnesio
Le cause principali della carenza di magnesio vanno ricercate nello stile di vita e nei regimi alimentari squilibrati. Una dieta troppo ricca di latte o latticini, quindi ricca di calcio, può influire sulla mancanza di magnesio, come abbiamo spiegato prima. A rischio anche i regimi alimentari ricchi di fibre, latte e zuccheri raffinati: questi alimenti ostacolano l’assorbimento del magnesio a livello intestinale. Altre sostanze “nemiche” del magnesio sono caffé e diuretici, Possono incorrere in carenze di magnesio  tutti gli sportivi e coloro che praticano attività fisica intensa: le riserve di magnesio sono qui bruciate per produrre l’energia necessaria e abbondanti quantità vengono perse durante la sudorazione. Attenzione anche a coloro che hanno patologie gastrointestinali con frequenti episodi di vomito e diarrea. Elevati livelli di minerali vanno mantenuti durante la gravidanza e l’allattamento per ridurre il rischio di un’elevata pressione del sangue che porta a parti prematuri. Altri soggetti che spesso presentano carenze di magnesio sono gli anziani e coloro che assumono alcol in maniera eccessiva.

Le conseguenze della carenza di magnesio
Sono moltissimi i disturbi causati dalla carenza di magnesio perché questo minerale è coinvolto in tantissime funzioni fisiologiche. Carenza di magnesio si possono individuare nelle sindromi premestruali, nella stitichezza, nella stanchezza cronica, nelle coliti, nei gonfiori addominali, nell’eccessivo affaticamento durante l’attività fisica, nell’eccessiva sudorazione, nel nervosismo e nell’insonnia, negli spasmi muscolari.

L’importanza del magnesio
Il magnesio è responsabile del corretto funzionamento di oltre 300 enzimi ed è fondamentale in moltissimi processi metabolici come la glicolisi (trasformazione del glucosio in energia), la sintesi dei grassi, delle proteine e degli acidi nucleici. Partecipa alla trasmissione degli impulsi nervosi, ai processi di mineralizzazione e di sviluppo scheletrico, protegge l’udito, è fondamentale nel rilassamento dei muscoli, compreso quello cardiaco.

Fabbisogni di magnesio e fonti
Il fabbisogno medio giornaliero di magnesio è di 350 mg/die per gli uomini e di 280 mg/die per le donne (che aumenta in caso di gravidanza). Le maggiori concentrazioni di magnesio negli alimenti si trovano nei legumi, nei cereali integrali, nella frutta secca, nei vegetali in foglia verde e nei semi oleosi. Discrete quantità di trovano nella banana, mentre carne, pesce e latte ne contengono quantità scarse.